PALAZZO COLONNA E APPARTAMENTI DI ISABELLA

A Roma esistono ancora dei palazzi nobiliari di rara bellezza, praticamente intatti. Un tuffo negli splendori del passato, in allestimenti  e arredi autentici così come furono voluti dai loro committenti nel tardo seicento.

A cura della Dott.ssa Maria Letizia Bruschi

10,00 €

Passeggiata di 2 ore

Palazzo Colonna e appartamenti di Isabella
Per partecipare, compila il Form di iscrizione ed effettua il pagamento.

PAGAMENTO PASSEGGIATA: PALAZZO COLONNA E APPARTAMENTI DI ISABELLA

Il complesso dei palazzi Colonna è unico nel suo genere ed è tutt’ora abitato dai discendenti. Inizieremo dal pian terreno, la residenza estiva, un magnifico edificio che si affaccia sul cortile e che fu del cardinale Giuliano della Rovere, futuro Giulio II. Le sale sono in parte ristrutturate nel tardo ‘500 e ‘600, con splendidi affreschi, ma il cuore del palazzo risale al tardo ‘400  affrescato da Pinturicchio. Nell’appartamento abitato dalla principessa Isabella Sursock e Marcantonio VII a ininzi ‘900, è esposta una importante collezione di quadri di vedutisti e paesaggisti, ritratti, bellissime sale abitate anche da Maria Mancini, celebre nipote del cardinal Mazzarino e Lorenzo Onofrio Colonna, figlio dell’eroe di Lepanto. Continueremo con il palazzo di rappresentanza, o d’inverno, al piano superiore. Qui si snodano sale meravigliose con opere importantissime quasi sempre come vennero allestite all’epoca. Bellissima la sala del trono, con il ritratto di Martino V, copia da Pisanello, e Felice Orsini sposa di Marcantonio II, a suggellare la pace tra le due  famiglie.  Conclude la visita la spettacolare galleria di Antonio del Grande voluta dal card. Girolamo I con la volta affrescata nella seconda metà del ‘600 opera di Filippo Gherardi, Coli, quadrature di Pietro Paolo Schorr e Laura Bernasconi che narrano le vicende della battaglia di Lepanto, avvenuta il 6 ottobre 1571 nella quale Marcantonio II Colonna fu grande capitano. Vi sono raccolte leggendarie opere di Reni, Lanfranco, Bronzino e molti altri, gli eleganti specchi dipinti dal Maratta e Mario de’ Fiori.