PALAZZO MATTEI DI GIOVE, VISITA CON PERMESSO SPECIALE

Un piccolo gioiello ai margini del Ghetto ebraico, un’insula di palazzi appartenuti ai Mattei, marchesi di Roccasinibalda, di Giove, raffinati collezionisti.

A cura della Dott.ssa Maria Letizia Bruschi

10,00 €

Passeggiata di 2 ore

Palazzo Mattei
Per partecipare, compila il Form di iscrizione ed effettua il pagamento.

PAGAMENTO PASSEGGIATA: PALAZZO MATTEI DI GIOVE, VISITA CON PERMESSO SPECIALE

Attualmente parte del palazzo appartiene al ramo della famiglia della madre di Giacomo Leopardi, la marchesa Antici. Ciriaco Mattei, suo fratello Asdrubale ,  il card. Girolamo e loro famiglie abitarono in questo bellissimo complesso, circa cinque edifici connessi l’uno all’altro a formare un unico blocco edilizio. Possedevano anche la famosa Villa al Celio e vigne sul Palatino. Grandi amici di San Filippo Neri  furono ammiratori di Caravaggio, diedero anche ospitalità  all’artista, che fu visto e imitato da altri pittori operanti nel palazzo o che ebbero modo di vedere direttamente le sue opere, alcune molto famose, eseguite per i Mattei. Visiteremo in particolare il palazzo di Asdrubale, nel cosiddetto Palazzo Mattei di Giove, con suggestivo piccolo cortile istoriato, tra i più belli di Roma. Al piano nobile, affreschi di Domenichino, di Francesco Albani e soprattutto la graziosa galleria affrescata da Pietro Paolo Bonzi e il giovane Pietro da Cortona. In questa erano una volta bellissime opere di Valentin de Boulogne, di Cortona, e molti altri. Vedremo come queste tele  erano disposte nelle sale e nella galleria. Alcune sono oggi nella galleria di palazzo Barberini. Nella sala da pranzo di Ciriaco era il quadro di Caravaggio, la presa di cristo nell’orto, che dopo varie vicissitudini  è stato recentemente ritrovato a Dublino e identificato come autografo.