ROMA MEDIEVALE, I MOSAICI, PRIMO APPUNTAMENTO

Visiteremo in questa prima parte l’area dell’Esquilino, dove si ergono due spettacolari basiliche: Santa Maria Maggiore e Santa Prassede.

A cura della Dott.ssa Maria Letizia Bruschi

10,00 €

Passeggiata di 2 ore

Santa Maria Maggiore
Per partecipare, compila il Form di iscrizione ed effettua il pagamento.

PAGAMENTO PASSEGGIATA: ROMA MEDIEVALE, I MOSAICI, PRIMO APPUNTAMENTO

La prima fondata nel V secolo, presenta  l’impianto originale e meravigliosi mosaici del V e XIII secolo molto ben conservati. La sua fondazione fu l’espressione politica e religiosa legata la concilio di Nicea, in un momento delicato del dibattito religioso in seno all’impero romano, tra nostalgici del paganesimo e la nuova fede trionfante. Vedremo le cappelle monumentali Paolina e Sistina, importanti cantieri di fine cinquecento e seicento, La Sforza, su disegno di Michelangelo e altre meravigliose sorprese. Santa Prassede  è il frutto del restauro  sotto il segno del  rinnovamento che conobbe la città all’indomani dell’alleanza con Carlo Magno, uscendo dal faticoso periodo precedente e ritrovando un’ identità quasi perduta. Dopo il periodo longobardo, in cui l’affascinante stile anti-classico aveva dominato gli arredi, presenti spesso negli amboni o avanzi lapidei, Papa Pasquale I si impegnò in un restauro delle principali chiese del tempo o la loro nuova costruzione. La Basilica di Santa Prassede, più disadorna e semplice, anche essa originale nell’impianto e arricchita dai bellissimi mosaici molto diversi nello stile da quelli della basilica mariana. Lo splendido sacello di San Zenone eretto ancora all’epoca di Pasquale I, davvero un gioiello incastonato nella navata sinistra, vi ricorderà i mosaici dei Bizantini.