ROMA ISTORIATA

La città un tempo era quasi completamente decorata. Persino dal periodo romano, in cui rilievi, epigrafi e statue facevano bella mostra di sé, Roma è sempre stata una città artistica.

A cura della Dott.ssa Maria Letizia Bruschi.

10,00 € cad.

2 Conversazioni

Palazzi istoriati
Per partecipare, compila il Form di iscrizione ed effettua il pagamento.

PAGAMENTO CONVERSAZIONE: ROMA ISTORIATA

Dal ‘400 in poi si ebbe la moda di dipingere o decorare le facciate  di case e palazzi o semplici osterie. Ancora sopravvivono molte facciate meravigliose, seppure siano un pallido ricordo di come Roma doveva apparire all’epoca. Ci fu uno sviluppo di questo tipo di decorazione, si differenziano non di poco le decorazioni tra ‘400 e ‘500 , da semplici graffiti in bianco e nero, a complessi affreschi monumentali. Illustri artisti, ci racconta Vasari, furono gli autori delle più eleganti, come Perin del Vaga, Polidoro da Caravaggio, Raffaello, Peruzzi. A fine ‘500 lo stile cambiò e si ebbe un notevole incremento della moda per il collezionismo e il gusto antiquario, sontuosi palazzi vennero quindi decorati con reperti antichi o a imitazione di questi, come Palazzo Spada, Palazzo Mattei di Giove. Nell ‘800 e ‘900 ci fu un revival di questa moda, in  particolare all’estero, e in fondo anche oggi vediamo nei moderni murales un ricordo di quel desiderio di bellezza e colore.